Skip Navigation LinksHome » Biblioteche » Precisazioni in merito alla rilevazione degli Istituti Bibliografici
Precisazioni in merito alla rilevazione degli Istituti Bibliografici


AVVERTENZA

Particolari precisazioni vanno fatte per le voci genere degli istituti bibliografici e sistema di ordinamento.
Nel genere, le biblioteche sono state distinte in:

a)  biblioteche di pubblica lettura
Sono aperte al pubblico ed i servizi (lettura in sede, informazioni bibliografiche, prestito a domicilio, ecc.) sono gratuiti e non sottoposti a particolari limitazioni d’uso.
Esse, fornite di patrimonio librario di cultura varia, curano in particolar modo la diffusione della lettura attraverso l’informazione, l’animazione e la qualificata divulgazione del sapere.

b) biblioteche scolastiche
Sono funzionanti presso gli Istituti di Istruzione e rispondono alle esigenze culturali e didattiche degli operatori scolastici e degli studenti. A differenza delle biblioteche di pubblica lettura, i servizi sono riservati, per regolamento, ai soli insegnanti e studenti.

c) biblioteche specializzate
Tendono a caratterizzarsi nell’ambito di particolari discipline, di cui curano l’aggiornamento e l’incremento del patrimonio librario. I servizi, anche qui, sono generalmente riservati per regolamento a determinate categorie di operatori culturali.

d) biblioteche ecclesiastiche
Sono funzionanti verso parrocchie, conventi, Seminari diocesani. Il patrimonio bibliografico è composto, generalmente e per larga parte, di opere a carattere religioso; il servizio pubblico è sottoposto a particolari limitazioni regolamentari.

e) biblioteche di conservazione
Si distinguono per il fine particolare a cui mirano: conservare e tramandare un patrimonio bibliografico di singolare pregio e rarità. Anche qui, per evidenti ragioni, il servizio pubblico è sottoposto a rigorose limitazioni e controlli. 

I sistemi di ordinamento adottati negli Istituti bibliografici del Vallo di Diano sono:

a) per materia
Il patrimonio è ordinato in base ad uno schema precostituito di materie: Letteratura, Filosofia, Storia, Scienze e Tecnica, Politica e Sociologia, ecc…

b) per formato entro la materia
I volumi sono ordinati secondo il formato tipografico all’interno di uno schema per materia.

c) per autore e soggetto
I volumi, in questo caso, spesso sono ordinati in ordine alfabetico.